La fabbrica delle banane

Photo by Valentin Jorel on Unsplash

Nella giungla esiste una fabbrica. Il supervisore del reparto di produzione delle banane sotto spirito è un Gorilla davvero molesto…

Un animale pieno di insicurezze che pretende rispetto quando non ne da, passa le giornate a delegare le proprie responsabilità agli altri, per poi lamentarsene a fine lavori. Se prende di mira qualche suo sottoposto, si diverte ad offenderlo credendo che le sue battute “sottili” non vengano comprese come insulti dal malcapitato in questione che cerca di fare buon viso a cattivo gioco solo per evitare polemiche e mantenere il proprio posto di lavoro.

E non parliamo poi del fatto che, se riesce ad acciuffare qualcuno in sala mensa, quella povera bestia è spacciata: non solo sputacchia nel piatto del suo interlocutore, ma lo fa senza mai prendere un attimo di fiato, così che alla fine oltre che disgustato, il suo commensale è anche del tutto stordito dal gran parlare.

Gli animali del reparto, stressati e arrabbiati ogni tanto si sfogano tra di loro pensando a quanto sarebbe bello se il Gorilla venisse licenziato.
“Prende uno stipendio esagerato, ci carica di lavoro e se va male se la prende con noi” – dice l’Istrice.
“Sta sempre a parlare di noci di cocco e scimmie!” – commenta il giovane Ghepardo.
“Quando ci mette le zampe lui, bisogna sempre rifare tutto da capo” – conclude il Coccodrillo.
“Oooooh quanto sarebbe bello se se ne andasse!!!” – mormorano tutti in coro.

E poi si scoprì che il Gorilla era socio della fabbrica e non se sarebbe andato mai …

FINE

Rispondi