Dirsi addio

Riflettevo sul fatto che ormai non ci si dice più “Addio”. O meglio sì, lo si dice “in extremis”…ma forse a volte non si riesce neanche in quel momento lì.
Ma non intendo nel caso della morte. No, intendo nella semplice vita quotidiana.

E’ cambiato il design dei rapporti personali.

Penso ad esempio ai miei nonni. Decidono di partire dalle Marche e di stabilirsi nel Lazio per prendere una delle terre che Mussolini aveva tolto alle paludi pontine. Caricano le loro cose su non immagino neanche che mezzo di trasporto, i loro figli e salutano tutti. Fratelli, sorelle, padri, madri, amici e conoscenti. Addio.

Si rivedranno ancora? Chi può saperlo. C’è stata anche una guerra mondiale nel frattempo!

Si sentiranno? Si scriveranno…ne dubito.

La comunicazione epistolare fa tanto romanzo dell’ottocento, ma non credo che la mia pratica nonnina, donna di campagna, forte come un bulldozer e sfinita dalle incombenze quotidiane, abbia avuto tutto questo tempo di scrivere.

Il telefono? Forse un lusso per i tempi.

Si salutavano e, secondo me, senza neanche troppo clamore.

Così era la vita. Si viaggiava leggeri.

Invece noi no. Non ci diciamo più addio. Rimaniamo intrecciati con infiniti fili al nostro passato.

Ho letto un articolo che parlava di espatriati che rimangono talmente tanto in contatto con la famiglia d’origine tramite smartphone e videochiamata da non sentire neanche il bisogno di integrarsi nel Paese di residenza.
Praticamente comunità parallele all’interno di altre comunità. Stati dentro a Stati.
Nè qui, nè là. Dimensioni parallele.

Sui nostri Facebook ci sono amici di infanzia, della scuola elementare, dell’oratorio. Ci si vede, ci si sente, quando, come, dove si vuole. Un continuo dialogo ininterrotto e infinito con tutte le persone in cui ti imbatti nel corso di tutta la tua vita.

E viaggiamo sempre più appesantiti: dai ricordi, dalle situazioni, dalle vite degli altri che si ammassano e non scompaiono mai all’orizzonte, oltre il nostro sguardo.

Eternamente presenti per tutti e per nessuno.

 

Rispondi